La Caduta

Non mi sono mai tagliato come ho fatto in questo momento

e l’acqua che scorreva attraverso di me non ha mai lasciato segni a fuoco sulla pelle

come ora

le rughe non sembravano come adesso

e il cuore non ha mai urlato con un collo rotto e un dolore infinito come se fosse qui in

quel momento.

 

Como è il buco dell’anima e la perdita della vista,

como un fantasma lascia la faccia bianca, bianco e freddo

e il farmaco della dimenticanza come se stessi cercando, chiedendo ai amici e conoscenti

Il dolore ti fa credere in cose che non esistono e non hanno gambe

e prima di ricadere nel bello e nella luce, ben prima di pensarci.

 

Un guerriero feroce, un demoniaco selvaggio che non respira di fronte a nessuno,

così l’amore spezzato ti trasforma

e poi insegui il groviglio spalancato, con il filo filato

lo raccogli

Ricominciare ancora e ancora in un momento diverso

una altra apertura del groviglio

da qualche parte nel prossimo tiro.

3 thoughts on “La Caduta

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s