Odissee moderne

Come un’altra odissea moderna, in cui masse di corpi umani si muovono costantemente in tutte le direzioni possibili, l’avventura di Odisseo sembra più presente che mai.

La cronaca dell’Odissea è una di quelle storie che si ripetono più e più volte, forse più frequentemente di qualsiasi altra storia. La storia di Odyssey è una di quelle meravigliose metafore linguistiche che si adattano quasi automaticamente e allo stesso tempo inaspettatamente in ogni conversazione, attivando associazioni parallele e pensieri a catena. Il lungo viaggio di Ulisse può essere interpretato in molti modi; infatti, sarà spesso interpretato come un’avventura, come sofferenza, rischio o un evento eroico. Queste interpretazioni riflettono molte delle situazioni attuali. La storia di Odyssey potrebbe anche essere una moderna metafora del costante movimento, specialmente dei giovani, verso altri mondi diversi.

L’idea di questo movimento, o semplicemente dell’immigrazione, è, ovviamente, senza precedenti. Al contrario, è un’idea, che traccia le sue radici quasi all’inizio della specie umana, ma diventa più presente dopo la scoperta del concetto di società o comunità. Da allora, il movimento di gruppi di persone grandi o piccoli è stato un fenomeno costante, ogni volta per ragioni diverse, ma alla fine non è così diverso (poiché si sarebbero ripetuti per molti anni fino ad oggi). Oggi la storia dei viaggi si ripete e le persone possono generare emozioni e idee a modo loro, ognuna con il proprio concetto di “viaggio”. In ogni caso, alla fine, quasi tutto termina con la questione visiva, cioè il modo in cui riceviamo, elaboriamo, percepiamo e interpretiamo ogni nuova informazione.

Poi, sono anche nel mezzo di questo movimento, con la stessa posizione del meraviglioso Colosso di Rodi: un piede lì, l’altro piede qui. Certo, il Colosso che adornava l’entrata del porto era, almeno in teoria, nello stesso posto allo stesso tempo. Ma torniamo alla realtà di questo movimento; Sento che qualcosa di magico e allo stesso tempo alquanto contraddittorio sta accadendo quando si parte dalle sue radici. Ci sono quegli intensi processi interni (pensieri e idee) che non hanno nient’altro da fare, ma che maturano magicamente, poiché lontani dalle radici, non hanno più nulla da realizzare. Crescere abbastanza per tornare alla radice con nuovi semi, se la radice lo consente, ovviamente. Questa radice può essere chiamata Itaca, ma se preferiamo il nome dei miti, sarebbe il mito di Ulisse.

Si ha la sensazione che quelle piccole persone che stavano per muoversi non solo si muoveranno, ma attiveranno anche la loro coscienza verso il basso. Al limite. Eppure, questo processo di movimento è più simile a un’iniezione di anestetico, che è responsabile di “ubriacarsi” per alcuni minuti e quando la vertigine diminuisce gradualmente, la coscienza tornerà a voi; e quindi questa fase potrebbe anche essere chiamata “conoscenza” e “comprensione” ad ogni profondità. Questo è il rischio di avventura. Queste decisioni impongono l’ubriachezza proprio a causa della loro difficoltà. Se guardi tutti gli aspetti di un’immagine, se possibile, prima di rinunciare a qualcosa, puoi pentirti rapidamente. Sembra drammatico, ma non lo è affatto. La descrizione asciutta della realtà e dei suoi eventi, di qualsiasi realtà o fatto, è semplicemente una descrizione della realtà e non è affatto un dramma. Potrebbe essere un dramma se l’osservatore decidesse di attivare questa visione, anche l’impulsività richiederebbe alcuni secondi per attivarsi.

Quindi quei piccoli “odissea” moderni o il viaggio verso “Itaca” si ripetono con grande velocità ancora e ancora. Rendendo la storia più moderna, il modello si ripete e crea una storia di molti che vagano tra di noi. Ognuno ha una storia da raccontare: ognuno ha la propria odissea personale e “Odissea” da raccontare; “Odysseys”, che viaggiano non solo su lunghe distanze ma anche in breve.

Penso di non avere idea se sia possibile dimenticare quel punto di partenza, cioè quel punto prima dell’iniezione anestetica; È lo stesso punto: il punto radice e il punto su come dimenticare la radice. Anche con due piedi in aria nella totale incertezza e anticipazione, la radice farà eco a quella voce di fiducia e familiarità. E sebbene valga sempre la pena il viaggio degli “antropociani”, solo per il viaggio e le sue varie tappe, Itaca continuerà ad essere il frutto più dolce, l’aroma più amato, la canzone più malinconica che ci condurrà alla nostra continuità e che ” qualcos’altro. ” “Stiamo cercando, anche senza cercare consapevolmente.

One thought on “Odissee moderne

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s